sushi fimo

Sushi in fimo: il tutorial per creare i tuoi gustosi accessori!

postato in: Tutorial | 0

In questo tutorial scopriremo come creare dei realistici sushi in fimo o pasta polimerica, da utilizzare come ciondoli per collane o da inserire ad un portachiavi. Qualsiasi uso ne facciate, potranno diventare sicuramente un regalo originale e gradito a chi ama la cucina del Sol levante!

I più esperti di gastronomia giapponese sapranno che il sushi 寿司 racchiude più tipologie distinte in base alla loro forma e si differenzia dal fratello sashimi perché unisce il riso al pesce o alla verdura: abbiamo quindi gli hosomaki (piccoli rotolini di riso circondati da alga nori con ripieno di pesce o verdura), i futomaki, (rotolini un po’ più grandi), uramaki (rotolini con il riso all’esterno e l’alga all’interno), nigiri (striscioline di riso con sopra pesce crudo) onigiri (polpette di riso ovali o triangolari avvolte dall’alga nori con condimento interno) i temaki (coni di alga nori ripieni di riso e condimento) e i gunkan (palline di riso di forma ovale con sopra il condimento e una striscia di alga nori).

Tra tutte queste squisitezze, ho scelto per questo tutorial il futomaki, la mia tipologia di sushi preferita, soprattutto quella che racchiude al suo interno salmone, avocado e kanpyō, zucca giapponese marinata in striscioline!

Vediamo ora di cos’abbiamo bisogno:
MATERIALI

  • Fimo Soft (molto più maneggiabile e setoso, ci consente di lavorare la nostra creazione con più facilità, senza fare troppa fatica per ammorbidirla)
  • Colori: arancione, bianco, giallo, verde chiaro, marrone, nero

STRUMENTI

  • roller o un piccolo mattarello
  • cutter
  • gancetto (ci servirà per creare il nostro ciondolo)
  • vernice lucida per fimo (per dare maggior brillantezza alla nostra opera d’arte!)

Creare questo sushi sarà molto più semplice con l’aiuto di questo video tutorial.

Video a cura di Emilio Mantova

PROCEDIMENTO
Iniziamo creando il salmone!
Seguendo il tutorial nel video, prendiamo una striscia di fimo arancione e la lavoriamo fino a farla diventare un rotolino più o meno lungo. Prendiamo poi la stessa porzione di fimo, questa volta di colore bianco, e la lavoriamo allo stesso modo ottenendo un altro rotolino.

Con l’aiuto del cutter tagliamo il rotolino arancione per lungo in 4 parti mentre dal rotolino bianco tagliamo 3 strisce più sottili che adageremo sopra le parti arancioni, alternandole di colore.
Con il cutter tagliamo le parti di bianco che eccedono dal nuovo rotolino creato e a questo punto il nostro salmone è pronto!

Passiamo all’avocado!
Per fare questo avremo bisogno del fimo giallo e verde. Con il giallo creiamo un rotolino mentre con il verde una sfoglia che avvolgerà il nostro rotolino. Anche in questo caso tagliamo la parte di verde in eccesso. Lavoriamo il rotolino in modo che la parte gialla aderisca bene con quella verde.

Per fare la zucca kanpyō ci basterà una strisciolina di fimo color marrone.

Prendiamo poi due porzioni abbondanti di fimo di colore bianco e nero e le stendiamo con l’aiuto del roller, lasciando la parte bianca più spessa, perché formerà il riso, e la nera più fina perché formerà l’alga nori.

A questo punto uniamo il salmone, l’avocado e la zucca e avvolgiamo il tutto con la parte bianca, formando un rotolo. Avvolgiamo infine il tutto con la sfoglia di fimo nero e lavoriamo la creazione ottenuta in modo che le parti interne aderiscano bene.

Tagliamo il rotolo in più parti per ottenere più futomaki, nel frattempo ricaviamo da una strisciolina bianca tanti chicchi di riso che appoggeremo sulla superficie bianca dei nostri sushi. Per non farli scollare dopo la cottura, possiamo passare prima sulla superficie una pennellata di fimo liquido.

Prendiamo un gancetto e lo inseriamo nel mezzo.

COTTURA
Avvertenze: non usare lo stesso forno con cui si cucina. È preferibile usarne uno ventilato, posto in un ambiente all’aperto.

Utilizziamo la carta forno per evitare che il nostro sushi si attacchi durante la cottura. Cuociamo a temperatura non superiore a 130° per non più di 8 minuti.
Terminata la cottura, lasciamo raffreddare e stendiamo la vernice lucida su tutta la creazione.
Il nostro futomaki è pronto!

Questo è solo un esempio di sushi fatto in fimo ma con lo stesso procedimento se ne possono creare altri tipi. Ad esempio nel caso vogliate creare degli uramaki (dove il riso è all’esterno e l’alga interna) basterà invertire gli ultimi passaggi e avvolgere il rotolo finale con la parte bianca piuttosto che con quella nera.

Inoltre se fatti più piccoli questi sushi si adattano bene anche per diventare orecchini o da inserire in vassoi in fimo per creare dei sushi set nella versione di sfiziosi portachiavi!

Se invece la manualità non è il tuo forte ma vorresti comunque avere uno di questi gustosi accessori, trovi i miei già pronti nel mio negozio online!

Se ti è piaciuto fare questa creazione, ne trovi altre ispirate al Giappone in questo video!

Video a cura di Emilio Mantova

Leggi anche:

Segui Lucia Cinconze:

Lucia è laureata in lingua e cultura giapponese e in scienze della comunicazione, amante da sempre del Giappone, ha unito le sue conoscenze culturali alla passione per i lavori creativi fatti a mano. Dal 2015 tiene corsi di origami presso associazioni e centri di cultura giapponese a Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.